Telefono Tel. 0881.912007   Fax 0881.912921
 E-mail: info@meridaunia.it  PEC: meridaunia@pec.it
Verso gli Open Days dei Monti Dauni
News 14 giugno 2022
imagealt

Il brand Monti Dauni piace sempre più agli amanti della natura e delle tradizioni legate ad un territorio tra i più autentici del Mezzogiorno. Per incentivare il turismo di prossimità e attirare quanti più turisti in questa parte di Puglia, il GAL Meridaunia, nell’ambito del Piano di Azione Locale 2014-2020, all’interno del progetto “Servizi Integrati Turistici dei Monti Dauni”, ha organizzato il festival itinerante dei Monti Dauni in programma dal 23 al 26 giugno nei comuni di Lucera, Alberona, Biccari, Roseto Valfortore e Troia. Un evento che nasce con il chiaro intento di fare da forte attrattore e da traino per il territorio, e che ha come filo conduttore il turismo rurale dei Monti Dauni attraverso un nutrito cartellone di eventi naturalistici, enogastronomici e culturali che si svolgeranno nei borghi sopra citati.
Il programma completo degli “Open Days dei Monti Dauni” è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Bari presso la Sala Agorà del Dipartimento Turismo, economia della Cultura e valorizzazione del territorio alla presenza del presidente del GAL Meridaunia, Pasquale De Vita, del direttore, Daniele Borrelli, e del Coordinatore Progetto "Servizi Integrati Turistici dei Monti Dauni", Luigi Casoria. All’incontro con i giornalisti sono intervenuti anche il direttore del Dipartimento Turismo e Cultura della Regione Puglia, Aldo Patruno, il dirigente Patrizio Giannone e la consigliera regionale con delega alla Cultura Grazia Di Bari. “Con questo progetto vogliamo valorizzare i Monti Dauni - dichiara la consigliera delegata alle Politiche Culturali Grazia Di Bari - potenziando l’offerta del turismo rurale. Per questo abbiamo coinvolto tutti gli operatori turistici e organizzato incontri con gli imprenditori per promuovere il brand Monti Dauni. Il patrimonio culturale, naturalistico ed enogastronomico dei Monti Dauni è un tesoro per la nostra Puglia e dobbiamo esportare questi brand in Italia e all’estero Dobbiamo sostenere il partenariato pubblico - privato a beneficio dei territori. Turismo e cultura devono fare da volano per lo sviluppo della nostra economia, creando posti di lavoro. Questo festival itinerante attraverso la formula dei 5 sensi permetterà di assaporare la Puglia e i Monti Dauni in ogni senso”.
“I Monti Dauni – ha aggiunto il presidente di Meridaunia, Pasquale De Vita - ormai sono la nuova destinazione turistica della Puglia, dove esiste un’offerta turistica alternativa. In questi tre giorni apriamo le porte a quanti vorranno vivere un fine settimana a contatto con la natura, la cultura, l’arte, il buon cibo e la voglia di spensieratezza”.
Per il coordinatore di SNAI Monti Dauni, Raimondo Giallella, gli open days rappresentano una ulteriore occasione di promozione e sviluppo per il nostro territorio. “In questi anni grazie al GAL, i nostri comuni hanno lavorato sulla promozione di questa area della Puglia straordinaria per diversi aspetti. Finalmente i pugliesi ma anche i cittadini delle altre regioni stanno scoprendo borghi e paesaggi che hanno poco da invidiare a quelli di altri territori. Non c’è solo il mare in Puglia, c’è anche la montagna, la collina, il paesaggio rurale in grado di attrarre i visitatori alla ricerca di nuove sensazioni. Un ulteriore banco di prova saranno le attività che il GAL ha organizzato dal 23 al 26 giugno a Lucera, Alberona, Biccari, Roseto e Troia. E non solo in estate”.
I Monti Dauni sono un brand della Puglia. “Il festival di giugno – ha affermato il direttore del Dipartimento Turismo e cultura, Aldo Patruno– sono la consacrazione dei Monti Dauni nella fase di ripartenza e di ripensamento del modello di offerta e di diversificazione del prodotto nella nostra regione. Sui Monti Dauni arriveranno milioni di euro che andranno a valorizzare i borghi e che permetteranno di applicare al meglio la cosiddetta destagionalizzazione che nell’area interna del Foggiano potrà andare molto oltre l’estate”.

Condividi su:

Torna indietro